Packaging Design Case Study – OLEIFICIO CORRIAS

Per un lungo periodo il packaging è stato visto come un elemento negativo per tutti quella fascia di consumatori eco-sensibili ed eco-sostenibili; in alcuni supermercati c’è stata (e c’è ancora, per le comunità più radicali) la possibilità di acquistare i detersivi sfusi, annullando totalmente la funzione e l’esistenza del packaging. Oggi però il settore degli imballaggi, è particolarmente attento all’ambiente.

Essere etici non vuol dire “eliminare”, ma “innovare” costantemente. L’innovazione di nuovi materiali riciclabili, una seria campagna di comunicazione, sensibilizzazione dei cittadini verso la creazione di una cultura e di un’educazione ambientale focalizzata sulla raccolta differenziata e sul recupero dei materiali di imballaggio: sono questi i pilastri fondamentali su cui poggia un attenta progettazione in questo campo.

Oggi il packaging è quindi considerato un importante componente delle strategie di marketing. E’ l’immagine che l’azienda da ai suoi consumatori. Un packaging ermetico, composto da elementi naturali, un nuovo tappo, una nuova forma o addirittura un colore più acceso, possono attribuire a un prodotto un notevole vantaggio.

Ed il caso di studio di oggi rispecchia proprio questa analisi.

Siamo in Sardegna e più precisamente nella provincia di Oristano , dove si coltivano ulivi e si produce olio da generazioni.

Oleificio Corrias ne è un esempio.

Packaging OLEIFICIO CORRIAS

Giovanni Matteo apprende l’attività di frantoiano molto giovane, tra gli oliveti centenari del suo paese di origine, Bonarcado, portando avanti un’antica tradizione familiare tramandata da generazioni.

La magia che si respira nel territorio del Sinis e l’incontro con l’attuale Direttore di Produzione, porta Giovanni Matteo ad abbandonare il Montiferru e a trasferire, nei primi anni 90, la sua attività a Riola Sardo, un piccolo centro nella bellissima costa occidentale della Sardegna, impreziosito da un esteso patrimonio olivicolo.

Nasce così l’Oleificio Giovanni Matteo Corrias. Per i primi 20 anni l’azienda si occupa solo della lavorazione delle olive per conto terzi. Il ciclo di lavorazione impegnava solo due-tre mesi l’anno, secondo la successione delle stagioni agricole. Ma le vere passioni non muoiono anzi si trasmettono e nel corso degli anni Giovanni Matteo trasferisce l’amore per la produzione di un prodotto così nobile, e tanto legato alla terra e ai valori di una civiltà rurale ancora viva nel territorio, ai propri figli, Manuela e Matteo, attuali tecnici nel Marketing e nella Produzione.

In seguito al rinnovamento degli impianti di lavorazione e all’introduzione di un sistema di confezionamento, Giovanni Matteo, Manuela e Matteo desiderano dar vita a un prodotto con una propria etichetta.

L’attenzione e la cura nella scelta delle materie prime, le sapienti capacità professionali tendenti a ottenere un prodotto di eccellente qualità, l’aggiornamento costante sui trend di mercato e la scelta di rimanere “fuori dal coro” e svecchiare l’immagine un po’ polverosa dell’olio italiano (senza peraltro perdere il legame con il territorio, utilizzando le profumazioni che gli sono tipiche) sono le motivazioni che ispirano l’azienda giorno dopo giorno.

Data inserimento: 03 Aprile 2015
Autore: Arch. Marco Lorenzi
Testata: FASCICOLO (online Preview 2015/6)
Packaging Design Case Study – OLEIFICIO CORRIAS